3.2. Struttura della linea di comando di Unix

Un comando è un programma che chiama il sistema Unix per qualche compito. Un comando ha la forma:

comando [opzioni] [argomenti]

dove un argomento indica su cosa il comando deve realizzare la sua azione, generalmente un file o una serie di file. Un'opzione modifica il comando, cambiandone il modo di esecuzione.

I comandi sono case sensitive (sensibili alle lettere maiuscole e minuscole). comando e Comando non sono la stessa cosa.

Le opzioni sono generalmente precedute da un trattino (-) e per molti comandi, più opzioni possono essere messe insieme nella forma:

comando -[opzione][opzione][opzione]

esempio:

ls -alR

che mostrerà un listato lungo di tutti i file che si trovano nella directory corrente e ricorsivamente anche quelli che si trovano in tutte le sotto-directory.

In molti comandi si possono separare le opzioni, facendole precedere ognuna da un trattino, esempio:

comando -opzione1 -opzione2 -opzione3

come in:

ls -a -l -R

Alcuni comandi hanno opzioni che richiedono parametri. Le opzioni che richiedono parametri sono di solito specificate separatamente, esempio:

lpr -Pprinter3 -#2 file

che trasmetterà 2 copie del file specificato a printer3.

Ci sono delle convenzioni standard per i comandi. Comunque, non tutti i comandi Unix seguono questo standard. Alcuni non richiedono il trattino prima dell'opzione e alcuni non permettono di mettere insieme più opzioni, per esempio alcuni possono richiedere che ogni opzione sia preceduta da un trattino e separata con uno spazio bianco da un'altra opzione o argomento.

Le opzioni e la sintassi di un comando sono mostrate nelle pagine man del comando.

Questo, ed altri documenti, possono essere scaricati da ftp://ftp.FreeBSD.org/pub/FreeBSD/doc/

Per domande su FreeBSD, leggi la documentazione prima di contattare <questions@FreeBSD.org>.

Per domande su questa documentazione, invia una e-mail a <doc@FreeBSD.org>.