Capitolo 8. Altri comandi utili

Indice
8.1. Lavorare con i file
8.2. Archiviazione, compressione e conversione di file
8.3. Connessioni remote

8.1. Lavorare con i file

Questa sezione descrive alcuni comandi che possono risultare utili nell'esaminare e manipolare il contenuto dei propri file.

Tabella 8.1. Utilità file
Comando/SintassiCosa fa
cmp [opzioni] file1 file2confronta due file e mostra dove avvengono le differenze (file di testo e file binari)
cut [opzioni] [file]taglia specifici campi/caratteri dalle linee di un file
diff [opzioni] file1 file2confronta due file e mostra le differenze (solamente file di testo)
file [opzioni] fileclassifica il tipo di file
find directory [opzioni] [azioni]cerca file basandosi sul tipo o su uno schema
ln [opzioni] sorgente destinazionecrea un link (collegamento) a sorgente chiamato destinazione
paste [opzioni] fileaggiunge campi all'interno di un file
sort [opzioni] fileriordina le linee di un file in accordo con le opzioni specificate
strings [opzioni] fileriporta sequenze di 4 o più caratteri stampabili terminati con <NL> o <NULL>. Normalmente utilizzato per ricercare stringhe ASCII in file binari.
tee [opzioni] filecopia standard output in uno o più file
touch [opzioni] [data/ora] filecrea un file vuoto o aggiorna la data di accesso di un file esistente
tr [opzioni] stringa1 stringa2traduce i caratteri di stringa1 provenienti da standard input in quelli di stringa2 per standard output
uniq [opzioni] filerimuove le linee ripetute in un file
wc [opzioni] [file]mostra il numero di parole (o di caratteri o di linee) di un file

8.1.1. cmp - confronta contenuti di file

Il comando cmp(1) confronta due file, e (senza opzioni) riporta la posizione della loro prima differenza. Può trattare confronti sia tra file ASCII sia tra file binari. Il comando compie una comparazione byte-per-byte.

Sintassi

cmp [opzioni] file1 file2 [salto1] [salto2]

I numeri di salto sono i numeri di byte da saltare in ogni file prima di iniziare il confronto.

Opzioni generali

-lriporta ogni differenza
-sriporta solamente un valore di uscita, non le differenze tra i byte

Esempi:

Dati i file mon.logins e tues.logins:

ageorge         ageorge
bsmith          cbetts
cbetts          jchen
jchen           jdoe
jmarsch         jmarsch
lkeres          lkeres
mschmidt        proy
sphillip        sphillip
wyepp           wyepp

Il confronto dei due file produce:

% cmp mon.logins tues.logins
mon.logins tues.logins differ: char 9, line 2

Di default il comando riporta solamente la prima differenza trovata.

Questo comando è utile nel determinare quale versione di un file dovrebbe essere mantenuta quando c'è più di una versione dello stesso file.

8.1.2. diff - differenze tra file

Il comando diff(1) confronta due file, due directory, ecc., e riporta tutte le differenze tra i due. Questo comando tratta solamente file ASCII. Il suo formato di output è stato progettato per fornire i cambiamenti necessari per convertire il primo file nel secondo.

Sintassi

diff [opzioni] file1 file2

Opzioni generali

-bignora spazi contigui
-iignora la differenza tra lettere minuscole e maiuscole
-wignora i caratteri di spazio e tab
-eproduce un formato di output da utilizzare con l'editor ed(1)
-resegue diff(1) ricorsivamente attraverso le sotto-directory

Esempi:

Per i file sopra citati mon.logins e tues.logins, le loro differenze sono:

% diff mon.logins tues.logins
2d1
< bsmith
4a4
> jdoe
7c7
< mschmidt
---
> proy

Notare che l'output mostra sia l'elenco delle differenze sia in quale file queste esistono. Le linee del primo file sono precedute da < e quelle del secondo file sono precedute da >.

8.1.3. cut - seleziona parte di una linea di un file

Il comando cut(1) permette di estrarre una parte di un file che verrà utilizzata per un altro scopo.

Sintassi

cut [opzioni] file

Opzioni generali

-c lista_caratteriposizioni dei caratteri da selezionare (il primo carattere è in posizione 1)
-d delimitatoredelimitatore di campo (tab di default)
-f lista_campicampi da selezionare (il primo campo è 1)

Sia la lista dei caratteri che quella dei campi possono contenere numeri (in ordine crescente) separati da virgole o da spazi bianchi e possono contenere un trattino (-) per indicare un range. La mancanza di un numero prima del trattino (esempio -5) o dopo il trattino (esempio 5-), specifica rispettivamente un range completo che inizia con il primo carattere o campo, o finisce con l'ultimo carattere o campo. I caratteri bianchi di separazione di lista devono essere chiusi tra caratteri di quoting. I campi di delimitazione possono essere chiusi tra quoting se hanno un significato speciale di shell, ad esempio quando specificano un carattere di tab o spazio.

Esempi:

In questi esempi si userà il file users:

jdoe    John Doe        4/15/96
lsmith  Laura Smith     3/12/96
pchen   Paul Chen       1/5/96
jhsu    Jake Hsu        4/17/96
sphilip Sue Phillip     4/2/96

Se si desidera solo lo username e il nome reale dell'utente, il comando cut(1) può essere usato per ottenere solamente queste informazioni:

% cut -f 1,2 users
jdoe    John Doe
lsmith  Laura Smith
pchen   Paul Chen
jhsu    Jake Hsu
sphilip Sue Phillip

Il comando cut(1) può essere usato con altre opzioni. L'opzione -c permette di selezionare caratteri. Per selezionare i primi 4 caratteri:

% cut -c 1-4 users

che produrrà:

jdoe
lsmi
pche
jhsu
sphi

in questo modo si selezionano solamente i primi 4 caratteri di ogni linea.

8.1.4. paste - fusione di file

Il comando paste(1) permette di combinare insieme due file. In una fusione, il delimitatore di default tra le colonne è un tab, ma le opzioni permettono di usare altri delimitatori.

Sintassi

paste [opzioni] file1 file2

Opzioni generali

-d listaelenco dei caratteri di delimitazione
-sconcatena linee

L'elenco dei delimitatori può comprendere singoli caratteri come una virgola, una stringa quotata, uno spazio o alcune delle seguenti sequenze di escape:

\ncarattere newline
\tcarattere tab
\\carattere backslash
\0stringa vuota (carattere non-null)

Può essere necessario quotare i delimitatori che hanno significati speciali di shell.

Un trattino (-) al posto di un nome di file viene usato per indicare che quel campo dovrebbe venire da standard input.

Esempi:

Dato il file users:

jdoe    John Doe        4/15/96
lsmith  Laura Smith     3/12/96
pchen   Paul Chen       1/5/96
jhsu    Jake Hsu        4/17/96
sphilip Sue Phillip     4/2/96

e il file phone:

John Doe        555-6634
Laura Smith     555-3382
Paul Chen       555-0987
Jake Hsu        555-1235
Sue Phillip     555-7623

il comando paste(1) può essere usato in combinazione con il comando cut(1) per creare un nuovo file, listing, che include per tutti gli utenti lo username, il nome reale, l'ultimo login e il numero di telefono. Prima si estraggono i numeri di telefono all'interno del file temporaneo temp.file:

% cut -f2 phone > temp.file
555-6634
555-3382
555-0987
555-1235
555-7623

Il risultato può essere incollato alla fine di ogni linea di users e quindi rediretto nel nuovo file, listing:

% paste users temp.file > listing
jdoe    John Doe        4/15/96         237-6634
lsmith  Laura Smith     3/12/96         878-3382
pchen   Paul Chen       1/5/96          888-0987
jhsu    Jake Hsu        4/17/96         545-1235
sphilip Sue Phillip     4/2/96          656-7623

Tutto questo può anche essere realizzato su una linea senza il file temporaneo, con lo stesso risultato:

% cut -f2 phone | paste users - > listing

In questo caso il trattino (-) funge come sostituto per il campo di input (indica cioè l'output del comando cut(1)).

8.1.5. touch - crea un file

Il comando touch(1) può essere usato per creare un nuovo (vuoto) file o per aggiornare l'ultima data/ora di accesso di un file esistente. Il comando viene usato primariamente quando uno script richiede la pre-esistenza di un file (ad esempio per appendere delle informazioni) o quando uno script controlla l'ultima data/ora in cui una funzione è stata realizzata.

Sintassi

touch [opzioni] [data/ora1] file

touch [opzioni] [-t data/ora2] file

Opzioni generali

-acambia la data/ora di accesso al file (solamente SVR4)
-cnon crea il file se non esiste
-fforza l'azione, nonostante i permessi di lettura/scrittura del file
-mcambia la data/ora di modifica del file (solamente SVR4)
-t data/ora2usa la data/ora2 specificata, non la data/ora corrente (solamente SVR4)

Quando si usa l'opzione -t data/ora2, deve essere nella forma:

[[CC]YY] MMDDhhmm[.SS]

dove:

CCprime due cifre dell'anno
YYseconde due cifre dell'anno
MMmese, 01-12
DDgiorno del mese, 01-31
hhora del giorno, 00-23
mmminuti, 00-59
SSsecondi, 00-59

Il formato dell'opzione data/ora1 è:

MMDDhhmm[YY]

dove questi simboli hanno gli stessi significati dei simboli mostrati in precedenza.

La data non può essere settata prima del 1969 o dopo il 18 Gennaio 2038 (dipende dalle versione del sistema operativo Unix).

Esempi:

Per creare un file:

% touch filename

8.1.6. wc - conta le parole in un file

wc(1) sta per «conta parole»; il comando può essere usato per contare il numero di linee, di caratteri o di parole in un file.

Sintassi

wc [opzioni] file

Opzioni generali

-cconta byte
-mconta caratteri (SVR4)
-lconta linee
-wconta parole

Se nessuna opzione viene specificata, l'opzione di default è -lwc.

Esempi:

Dato il file users:

jdoe    John Doe        4/15/96
lsmith  Laura Smith     3/12/96
pchen   Paul Chen       1/5/96
jhsu    Jake Hsu        4/17/96
sphilip Sue Phillip     4/2/96

il risultato dell'uso del comando wc(1) su tale file è il seguente:

% wc users
5 20 121 users

Il primo numero indica il numero di linee nel file, il secondo indica il numero di parole e il terzo numero indica il numero di caratteri.

Usando il comando wc(1) con una delle opzioni sopra citate (-l per linee; -w per parole o -c per caratteri) si ottiene come risultato solo una delle precedenti informazioni. Per esempio, wc -l users produce il risultato seguente:

5 users

8.1.7. ln - crea un link a un altro file

Il comando ln(1) crea un «link» (collegamento) o un modo aggiuntivo per accedere (o attribuisce un nome addizionale) a un altro file.

Sintassi

ln [opzioni] sorgente [destinazione]

Se non specificata, la destinazione di default è un file dello stesso nome di sorgente posto nella directory di lavoro corrente.

Opzioni generali

-fforza un link nonostante i permessi della destinazione; non riporta errori (solamente SVR4 )
-screa un link simbolico

Esempi:

Un link simbolico viene usato per creare un nuovo percorso a un altro file o directory. Per esempio, se un gruppo di utenti è abituato ad usare un comando chiamato chkmag, ma il comando è stato riscritto e il nuovo nome è chkit, creando un link simbolico gli utenti eseguiranno automaticamente chkit quando digitano il comando chkmag, eliminando la transizione per il nuovo comando.

Un link simbolico può essere creato nel modo seguente:

% ln -s chkit chkmag

Ora il lungo listato per questi due file è il seguente:

16 -rwxr-x--- 1 lindadb acs 15927 Apr 23 04:10 chkit
1  lrwxrwxrwx 1 lindadb acs 5     Apr 23 04:11 chkmag -> chkit

Notare che mentre i permessi di chkmag sono aperti a tutti, poichè è linkato a chkit, le caratteristiche dei permessi, del gruppo e del proprietario di chkit saranno rispettate quando chkmag viene invocato.

Con un link simbolico, il link può esistere senza che il file o la directory a cui è collegato esista.

Un hard link può solamente essere creato per un altro file sullo stesso file system, ma non per una directory (eccetto per il super-user). Un hard link crea un nuovo elemento di directory puntante allo stesso inode del file originale. Il file linkato deve esistere prima che l'hard link possa essere creato. Il file non sarà cancellato fino a quando tutti gli hard link saranno rimossi. Per linkare i due file precedenti tramite un hard link:

% ln chkit chkmag

Quindi un lungo listato mostra che il numero di inode (742) è lo stesso per entrambi i file:

% ls -il chkit chkmag
742 -rwxr-x--- 2 lindadb acs 15927 Apr 23 04:10 chkit
742 -rwxr-x--- 2 lindadb acs 15927 Apr 23 04:10 chkmag

8.1.8. sort - ordina il contenuto di un file

Il comando sort(1) viene usato per ordinare le linee di un file. Si possono usare diverse opzioni per stabilire il modo di ordinamento e su quali campi ordinare il file. Senza opzioni, sort(1) confronta intere linee di un file e produce un ordinamento ASCII (prima i numeri, lettere maiuscole e quindi lettere minuscole).

Sintassi

sort [opzioni] [+pos1 [-pos2]] file

Opzioni generali

-bignora gli spazi bianchi iniziali (spazi e tab) quando si stabiliscono i carattere di inizio e di fine per la chiave di ordinamento
-dordinamento a dizionario, sono rilevanti solamente le lettere, le cifre, spazi e tab
-fuguaglia lettere maiuscole e minuscole
-k chiaveordinamento su chiavi specifiche (non disponibile su tutti i sistemi)
-iignora i caratteri non stampabili
-nordinamento numerico
-o outfilefile di output
-rribalta l'ordine
-t carusa car come il carattere di separatore di campo
-uunico; trascura multiple copie di linee uguali (dopo l'ordinamento)
+pos1 [-pos2](vecchio stile) fornisce funzionalità simili all'opzione -k chiave.

Per gli elementi di posizione (+/-), pos1 è il numero di parola di inizio, iniziando da 0 e pos2 è il numero di parola di fine. Quando -pos2 non è specificato, il campo di ordinamento continua fino alla fine del file. Sia pos1 che pos2 possono essere specificati nella forma w.c, dove w è il numero di parola e c è il carattere all'interno della parola. Per c 0 si specifica il delimitatore che precede il primo carattere e 1 è il primo carattere della parola. Questi elementi possono essere seguiti da un tipo di modificatore, esempio n per numerico, b per saltare gli spazi bianchi ,ecc.

Il campo chiave dell'opzione -k ha la seguente sintassi:

campo_inizio [tipo] [ ,campo_fine [tipo] ]

dove:

campo_inizio, campo_finedefiniscono le chiavi per restringere l'ordinamento su una porzione di linea
tipomodifica l'ordinamento: validi modificatori sono dati dai singoli caratteri (bdfiMnr) derivanti dalle simili opzioni di ordinamento, ad esempio un tipo b equivale a -b, ma applicato solamente nello specifico campo di azione

Esempi:

Dato il file users:

jdoe    John Doe        4/15/96
lsmith  Laura Smith     3/12/96
pchen   Paul Chen       1/5/96
jhsu    Jake Hsu        4/17/96
sphilip Sue Phillip     4/2/96

ordinando con sort(1) gli utenti si produce:

jdoe    John Doe        4/15/96
jhsu    Jake Hsu        4/17/96
lsmith  Laura Smith     3/12/96
pchen   Paul Chen       1/5/96
sphilip Sue Phillip     4/2/96

Se, tuttavia, si desidera un elenco in ordine di nome, si usa l'opzione per specificare su quale campo ordinare (i campi sono numerati partendo da 0):

% sort +2 users
pchen   Paul Chen       1/5/96
jdoe    John Doe        4/15/96
jhsu    Jake Hsu        4/17/96
sphilip Sue Phillip     4/2/96
lsmith  Laura Smith     3/12/96

Per ribaltare l'ordine:

% sort -r users
sphilip Sue Phillip     4/2/96
pchen   Paul Chen       1/5/96
lsmith  Laura Smith     3/12/96
jhsu    Jake Hsu        4/17/96
jdoe    John Doe        4/15/96

Un'opzione particolarmente utile di ordinamento è l'opzione -u, che elimina gli elementi duplicati nel file mentre si ordina il file. Per esempio, il file todays.logins:

sphillip
jchen
jdoe
lkeres
jmarsch
ageorge
lkeres
proy
jchen

mostra una lista di ogni username che ha effettuato il login nel sistema in giornata. Se si vuole conoscere quanti unici utenti abbiano effettuato il login nel sistema in giornata, usando sort(1) con l'opzione -u, la lista conterrà ciascun utente una volta sola. (Il comando può essere mandato in pipe a wc -l per ottenere direttamente il numero):

% sort -u todays.logins
ageorge
jchen
jdoe
jmarsch
lkeres
proy
sphillip

8.1.9. tee - copia l'output di un comando

Il comando tee(1) manda lo standard input nel file specificato e anche nello standard output. Viene spesso usato in una pipe di comandi.

Sintassi

tee [opzioni] [file]

Opzioni generali

-aappende l'output ai file
-iignora gli interrupt

Esempi:

In questo primo esempio l'output di who(1) è visualizzato sullo schermo e memorizzato nel file users.file:

brigadier: condron [55]> who | tee users.file
condron ttyp0 Apr 22 14:10 (lcondron-pc.acs.)
frank   ttyp1 Apr 22 16:19 (nyssa)
condron ttyp9 Apr 22 15:52 (lcondron-mac.acs)
brigadier: condron [56]> cat users.file
condron ttyp0 Apr 22 14:10 (lcondron-pc.acs.)
frank   ttyp1 Apr 22 16:19 (nyssa)
condron ttyp9 Apr 22 15:52 (lcondron-mac.acs)

Nel prossimo esempio l'output di who(1) viene mandato nei file users.a e users.b. Viene anche mandato in pipe con il comando wc(1), che riporta il numero di linee.

brigadier: condron [57]> who | tee users.a users.b | wc -l
3
brigadier: condron [58]> cat users.a
condron ttyp0 Apr 22 14:10 (lcondron-pc.acs.)
frank   ttyp1 Apr 22 16:19 (nyssa)
condron ttyp9 Apr 22 15:52 (lcondron-mac.acs)

Nell'esempio seguente un listato lungo di directory viene mandato nel file files.long. Inoltre viene messo in pipe con il comando grep(1) che riporta quali file sono stati modificati in Agosto.

brigadier: condron [60]> ls -l | tee files.long |grep Aug
1 drwxr-sr-x 2 condron 512  Aug 8 1995 News/
2 -rw-r--r-- 1 condron 1076 Aug 8 1995 magnus.cshrc
2 -rw-r--r-- 1 condron 1252 Aug 8 1995 magnus.login
brigadier: condron [63]> cat files.long
total 34
2 -rw-r--r-- 1 condron 1253 Oct 10 1995 #.login#
1 drwx------ 2 condron 512  Oct 17 1995  Mail/
1 drwxr-sr-x 2 condron 512  Aug 8  1995  News/
5 -rw-r--r-- 1 condron 4299 Apr 21 00:18 editors.txt
2 -rw-r--r-- 1 condron 1076 Aug 8  1995  magnus.cshrc
2 -rw-r--r-- 1 condron 1252 Aug 8  1995  magnus.login
7 -rw-r--r-- 1 condron 6436 Apr 21 23:50 resources.txt
4 -rw-r--r-- 1 condron 3094 Apr 18 18:24 telnet.ftp
1 drwxr-sr-x 2 condron 512  Apr 21 23:56 uc/
1 -rw-r--r-- 1 condron 1002 Apr 22 00:14 uniq.tee.txt
1 -rw-r--r-- 1 condron 1001 Apr 20 15:05 uniq.tee.txt~
7 -rw-r--r-- 1 condron 6194 Apr 15 20:18 Unixgrep.txt

8.1.10. uniq - rimuove linee duplicate

Il comando uniq(1) filtra le linee adiacenti duplicate in un file.

Sintassi

uniq [opzioni] [+|-n] file [nuovo.file]

Opzioni generali

-dsolo una copia delle linee ripetute
-useleziona solamente le linee non ripetute
+nignora i primi n caratteri
-s ncome sopra (solamente SVR4)
-nsalta i primi n campi, spazi inclusi (spazi e tab)
-f campicome sopra (solamente SVR4)

Esempi:

Si consideri il seguente file e l'esempio, dove uniq(1) rimuove la quarta linea da file e mette il risultato nel file nuovo.file.

{Unix prompt 1} cat file
1 2 3 6
4 5 3 6
7 8 9 0
7 8 9 0
{Unix prompt 2} uniq file nuovo.file
{Unix prompt 3} cat nuovo.file
1 2 3 6
4 5 3 6
7 8 9 0

Qui sotto, l'opzione -n del comando uniq(1) viene usata per saltare i primi 2 campi nel file e per filtrare le linee di uscita che sono duplicate dal terzo campo in avanti.

{Unix prompt 4} uniq -2 file
1 2 3 6
7 8 9 0

8.1.11. strings - cerca stringhe ASCII

Per cercare stringhe ASCII, stampabili, in un file binario si usa il comando strings(1). Questo comando ricerca sequenze di quattro o più caratteri ASCII terminanti con un carattere newline o con un carattere null. strings(1) risulta utile per ricercare nomi di file e possibili messaggi di errore all'interno di un programma compilato, di cui non si ha il codice sorgente.

Sintassi

strings [opzioni] file

Opzioni generali

-n numerousa numero come la minima lunghezza della stringa, piuttosto di 4 (solamente SVR4)
-numerocome sopra
-t formatofa precedere alla stringa l'offset di byte dall'inizio del file; formato può essere: d = decimale, o = ottale x = esadecimale (solamente SVR4)
-ofa precedere alla stringa l'offset di byte in decimale (solamente BSD)

Esempi:

% strings /bin/cut
SUNW_OST_OSCMD
nessun delimitatore specificato
delimitatore non valido
b:c:d:f:ns
cut: -n può solo essere usato con -b
cut: -d può solo essere usato con -f
cut: -s può solo essere usato con -f
nessuna lista specificata
cut: %s non si riesce ad aprire
il range specificato non è valido
troppi range specificati
i range devono essere crescenti
carattere non valido nel range
Errore interno nel processare l'input
carattere multibyte non valido
incapace di allocare memoria sufficiente
incapace di allocare memoria sufficiente
cut:
uso: cut -b lista [-n] [filename ...]
     cut -c lista [filename ...]
     cut -f lista [-d delim] [-s] [filename]

8.1.12. file - mostra il tipo di file

Il comando file(1) esamina il file specificato e cerca di determinare che tipo di file esso sia. Questo viene fatto leggendo i primi byte del file e confrontandoli con la tabella /etc/magic. Il comando file(1) può determinare file di testo ASCII, file formattati tar, file compressi, ecc.

Sintassi

file [opzioni] [-m file_magico] [-f lista_file] file

Opzioni generali

-cverifica il file magico per eventuali errori nel formato
-f lista_filelista_file contiene la lista dei file da esaminare
-hnon segue i link simbolici (solamente SVR4)
-Lsegue i link simbolici (solamente BSD)
-m file_magicousa file_magico come il file magico al posto di /etc/magic

Esempi:

Vengono elencati qui sotto gli output del comando file filename per alcuni file significativi.

/etc/magic:             File di testo ascii
/usr/local/bin/gzip:    Eseguibile paginato SPARC Sun linkato dinamicamente
/usr/bin/cut:           Eseguibile MSB a 32 bit ELF per SPARC versione 1, linkato dinamicamente, stripped
source.tar:             Archivio tar USTAR
source.tar.Z:           Blocchi di dati compressi 16 bit

8.1.13. tr - traduce caratteri

Il comando tr(1) traduce caratteri da stdin(4) a stdout(4).

Sintassi

tr [opzioni] stringa1 [stringa2]

Con nessuna opzione i caratteri di stringa1 sono tradotti nei caratteri di stringa2, carattere per carattere, nell'ordine degli array di stringa. Il primo carattere di stringa1 viene tradotto nel primo carattere di stringa2, ecc.

Un range di caratteri in una stringa viene specificato con un trattino tra il carattere superiore e quello inferiore del range, ad esempio per specificare tutte le lettere alfabetiche minuscole si usa [a-z].

Ripetizioni di caratteri in stringa2 possono essere rappresentate con la notazione [x*n], dove il carattere x viene ripetuto n volte. Se n è 0 o assente, il carattere x viene assunto come valida corrispondenza richiesta in stringa1.

I caratteri possono includere le notazioni \ottale (BSD e SVR4) e \carattere (solamente SVR4). Qui ottale viene sostituito da una, due o tre cifre di interi ottali che codificano un carattere ASCII e carattere può essere uno di questi:

bback space
fform feed
nnewline
rreturn
ttab
vtab verticale

La versione SVR4 di tr(1) permette l'operando :classe: nel campo stringa dove classe può assumere uno dei seguenti valori di classificazione carattere:

alphacaratteri alfabetici
lowercaratteri alfabetici minuscoli
uppercaratteri alfabetici maiuscoli

Opzioni generali

-ccompleta il set di caratteri in stringa1
-dcancella i caratteri in stringa1
-smodifica una stringa di caratteri ripetuti in stringa1 in caratteri singoli

Esempi:

L'esempio seguente usa come file di input una lista di libri di P. G. Wodehouse Jeeves & Wooster.

The Inimitable Jeeves [1923]    The Mating Season [1949]
Carry On, Jeeves [1925]         Ring for Jeeves [1953]
Very Good, Jeeves [1930]        Jeeves and the Feudal Spirit [1954]
Thank You, Jeeves [1934]        Jeeves in the Offing [1960]
Right Ho, Jeeves [1934]         Stiff Upper Lip, Jeeves [1963]
The Code of the Woosters [1938] Much Obliged, Jeeves [1971]
Joy in the Morning [1946]       Aunts Aren't Gentlemen [1974]

Per tradurre tutte le lettere alfabetiche minuscole in maiuscole si possono usare:

tr '[a-z]' '[A-Z]'

oppure

tr '[:lower:]' '[:upper:]'

Affinchè tr(1) legga da stdin(4) si usa cat(1) in pipe con tr(1), così:

% cat wodehouse | tr '[a-z]' '[A-Z]'
THE INIMITABLE JEEVES [1923]    THE MATING SEASON [1949]
CARRY ON, JEEVES [1925]         RING FOR JEEVES [1953]
VERY GOOD, JEEVES [1930]        JEEVES AND THE FEUDAL SPIRIT [1954]
THANK YOU, JEEVES [1934]        JEEVES IN THE OFFING [1960]
RIGHT HO, JEEVES [1934]         STIFF UPPER LIP, JEEVES [1963]
THE CODE OF THE WOOSTERS [1938] MUCH OBLIGED, JEEVES [1971]
JOY IN THE MORNING [1946]       AUNTS AREN'T GENTLEMEN [1974]

Ora si cancellano tutti i numeri con:

% cat wodehouse | tr -d '[0-9]'
The Inimitable Jeeves []        The Mating Season []
Carry On, Jeeves []             Ring for Jeeves []
Very Good, Jeeves []            Jeeves and the Feudal Spirit []
Thank You, Jeeves []            Jeeves in the Offing []
Right Ho, Jeeves []             Stiff Upper Lip, Jeeves []
The Code of the Woosters []     Much Obliged, Jeeves []
Joy in the Morning []           Aunts Aren't Gentlemen []

Per trattenere tutte le occorrenze multiple dei caratteri e, r e f:

% cat wodehouse | tr -s 'erf'
The Inimitable Jeves [1923]     The Mating Season [1949]
Cary On, Jeves [1925]           Ring for Jeves [1953]
Very Good, Jeves [1930]         Jeves and the Feudal Spirit [1954]
Thank You, Jeves [1934]         Jeves in the Ofing [1960]
Right Ho, Jeves [1934]          Stif Upper Lip, Jeves [1963]
The Code of the Woosters [1938] Much Obliged, Jeves [1971]
Joy in the Morning [1946]       Aunts Aren't Gentlemen [1974]

8.1.14. find - cerca file

Il comando find(1) può cercare file in modo ricorsivo nell'albero di directory indicato, confrontando il tipo di file o lo schema specificato. find(1) può quindi elencare i file o eseguire arbitrari comandi in base ai risultati.

Sintassi

find directory [opzioni di ricerca] [azioni]

Opzioni generali

Per l'opzione del tempo di ricerca, la notazione in giorni, n è:

+npiù di n giorni
nesattamente n giorni
-nmeno di n giorni

Alcune caratteristiche dei file che find(1) può ricercare sono:

la data dell'ultimo accesso o dell'ultima modifica al file:

-atime ndata di accesso, vero se l'accesso è di n giorni fà
-ctime ndata di cambiamento, vero se lo stato del file è stato modificato n giorni fà
-mtime ndata di modifica, vero se i dati del file sono stati modificati n giorni fà
-newer filenamevero se più recente del file specificato
-type tipotipo di file, dove tipo può essere:
bfile speciale a blocchi
cfile speciale a caratteri
ddirectory
llink simbolico
pfile pipe (fifo)
ffile regolare
-fstype tipotipo di file system, dove tipo può essere un valido tipo di file system, esempio ufs (Unix File System) e nfs (Network File System)
-user usernamevero se il file appartiene all'utente specificato
-group groupnamevero se il file appartiene al gruppo specificato
-perm [-]modipermessi del file, dove modi è la modalità ottale usata dal comando chmod(1). Quando modi è preceduto da un segno meno, solamente i bit che sono specificati vengono confrontati.
-exec comandoesegue il comando specificato. La fine del comando viene indicata con un escape e punto e virgola (\;). L'argomento del comando, {}, sostituisce il path name corrente.
-name filenamevero se il nome del file è quello specificato. Confronti con schemi wild card sono permessi se il meta-carattere viene messo in escape per la shell con un backslash (\)
-lssempre vero. Stampa una lista lunga del path name corrente
-printstampa i path name trovati (default per SVR4, non per BSD)

Sono permesse espressioni complesse. Le espressioni devono essere raggruppate tra parentesi (mettendo in escape le parentesi con un backslash per impedire alla shell di interpretarle). Il simbolo di esclamazione (!) può essere usato per negare un'espressione. Gli operatori: -a (and) e -o (or) vengono usati per raggruppare espressioni.

Esempi:

find(1) può ricercare in modo ricorsivo attraverso sotto-directory, ma per lo scopo di questi esempi saranno usati i seguenti file:

14 -rw-r--r-- 1 frank staff  6682 Feb  5 10:04 library
 6 -r--r----- 1 frank staff  3034 Mar 16  1995 netfile
34 -rw-r--r-- 1 frank staff 17351 Feb  5 10:04 standard
 2 -rwxr-xr-x 1 frank staff   386 Apr 26 09:51 tr25*

Per trovare tutti i file più recenti del file library:

% find . -newer library -print
./tr25
./standard

Per trovare tutti i file con i permessi di lettura o esecuzione per l'utenza altri e quindi modificare gli stessi in modo da disabilitarli:

% find . \( -perm -004 -o -perm -001 \) -exec chmod o-rx {} \; -exec ls -al {} \;
-rw-r----- 1 frank staff  6682 Feb  5 10:04 ./library
-rwxr-x--- 1 frank staff   386 Apr 26 09:51 ./tr25
-rw-r----- 1 frank staff 17351 Feb  5 10:04 ./standard

Nell'esempio precedente le parentesi e i punti e virgola sono messi in escape con un backslash per impedire alla shell di interpretarli. Le parentesi graffe sono automaticamente rimpiazzate dai risultati della precedente ricerca e il punto e virgola chiude il comando.

Si possono ricercare alcuni nomi di file contenenti la stringa «ar» con:

% find . -name \*ar\* -ls
326584  7 -rw-r----- 1 frank staff  6682 Feb 5 10:04 ./library
326585 17 -rw-r----- 1 frank staff 17351 Feb 5 10:04 ./standard

dove l'opzione -ls mostra un listato lungo, numeri di inode inclusi.

Questo, ed altri documenti, possono essere scaricati da ftp://ftp.FreeBSD.org/pub/FreeBSD/doc/

Per domande su FreeBSD, leggi la documentazione prima di contattare <questions@FreeBSD.org>.

Per domande su questa documentazione, invia una e-mail a <doc@FreeBSD.org>.